The Man In The High Castle3×01 Now More Than Ever, We Care About You

Juliana e Trudy sono di nuovo insieme, in attesa della prossima mossa del nemico. Joe Black è incarcerato, mentre John e Helen Smith sono alle prese con il lutto per la perdita del figlio, rischiando di non vedere chi cerca di fermare l'ascesa politica dell'Obergruppenführer. Tagomi guarda i film, mentre Kido come al solito si mangia il fegato.

L’attesa per questa nuova stagione di The Man In The High Castle è stata forse più lunga del previsto, ma da questa season premiere sembra esserne valsa la pena. La seconda stagione aveva sacrificato profondità narrativa per favorire scene di azione più coinvolgenti, forse a causa della perdita dello Showrunner Frank Spotnitz nel mezzo delle riprese: avendo visto “Now More Than Ever, We Care About You” sembrerebbe essere tornati al più lento ma non per questo meno avvincente ritmo della prima stagione.

American Reich

New York è la tetra capitale dell’America Orientale, dove troviamo John Smith, di ritorno da Berlino, e Joe Black, prigioniero dei nazisti e torturato come solo loro sono bravi a fare. Il dolore fisico però è niente in confronto all’orrore che è costretto a commettere: per redimersi deve infatti uccidere il proprio padre traditore. Una scena che ci fa restare senza parole, ma che apre un sacco di interrogativi collegandola a quella finale, dove prende a badilate un nazista. Joe da che parte sta? E lo vedremo riunirsi a Juliana nella resistenza?

3x01 the man in the high castle Now More Than Ever, We Care About You

© Amazon Prime Video

Nel frattempo la famiglia Smith sta attraversando il lutto per la perdita di Thomas: il suo sacrificio è stato trasformato in un simbolo per il partito e per il popolo, grande mossa di propaganda. Helen è affranta e arrabbiata con John, visibilmente alterata dall’uso che viene fatto della morte del figlio. La carriera politica di John ne ha giovamento, ma scopriamo che c’è già chi mira a fermarlo: vengono introdotti George Lincoln Rockwell, il fondatore del Partito Nazista Americano, e John Edgar Hoover, funzionario del dipartimento di Giustizia, entrambi realmente esistiti.

Le macchinazioni politiche, le misteriose mosse di Joe e le vicende personali dell’Obergruppenführer non devono distrarci però dalla reazione delle altre due componenti della famiglia Smith: le piccole Jennifer e Amy infatti non vivono il lutto come i loro genitori, ma sembrano già distaccate, chiedendo addirittura come comportarsi alla cerimonia funebre del fratello. La più piccola è la prima a scattare in piedi per il saluto nazista, chiudendo una cerimonia che mette i brividi, chiaro esempio di come la società possa efficacemente convertire i più giovani ad un credo ideologico seppur così disumano, senza mai dimenticare le telecamere.

3x01 the man in the high castle Now More Than Ever, We Care About You

© Amazon Prime Video

Nota di colore che collega per un attimo The Man In The High Castle con Mad Men, Nicole Dormer viene assegnata alla direzione della propaganda nazista americana, e per quanto sia un personaggio stereotipato è stato impossibile non sorridere. Danke Shatzy.

San Frantokyo

Kido è impegnato a fare piazza pulita della Resistenza, fucilando indiscriminatamente ogni possibile sospetto in seguito all’attentato della scorsa stagione. Deve anche rimpiazzare il suo secondo, un nuovo personaggio: Nakamura, un “Hapa”, ovvero un giapponese-americano. Per quanto la cosa possa disgustare i puristi della razza, un mezzosangue può essere molto utile come spia per infiltrarsi come ribelle: il compito di Nakamura sarà infatti quello di annientare il leader della resistenza Hagen.

Meno incisiva della controparte tedesca, che mostra i suoi cittadini vivere il sogno americano borghese nazi-style, la narrazione nipponica mostra dei giapponesi pieni di rancore e pronti a distruggere persino loro stessi pur di ottenere una vittoria. L’unico che rimane coi piedi per terra, nella sua imperturbabile calma interiore, è il caro Tagomi, che da bravo Ministro per il Commercio fa notare che una corsa agli armamenti nucleari manderebbe sul lastrico tutto il Giappone.

3x01 the man in the high castle Now More Than Ever, We Care About You

© Amazon Prime Video

Tagomi ha ricevuto i film rimanenti di The Man In The High Castle, e il suo legame con Juliana Crain è palese, visto che in una delle realtà che ha visitato “viaggiando” è suo suocero, e proprio dove Germania e Giappone hanno perso la guerra. Uomo di pace, Tagomi sa che la chiave per ottenerla è proprio la donna americana.

La Zona Neutrale

3x01 the man in the high castle Now More Than Ever, We Care About You

© Amazon Prime Video

Juliana è insieme alla sorella proveniente da un’altra dimensione, dove è lei ad essere morta: il legame tra le due sorelle sconosciute è così forte che Trudy non riesce più a “saltare”, ma questo le provoca degli attacchi (ciao Fringe). Insieme all’Uomo Nell’Alto Castello in persona e alla moglie fuggono da un attentato dei tedeschi – enfasi sulla spilletta, la stessa consegnata a Joe Black – e le loro strade si separano.
Il segmento narrativo è sicuramente quello con più azione, ma l’adrenalina per adesso sembra equamente distribuita anche senza il far west che per certi versi si era visto nella seconda stagione.

Un nuovo personaggio della resistenza viene introdotto, Wyatt Price, anche se non era proprio necessario dare un altro inciucio a Juliana, con il cadavere di Frank Frink ancora tiepido (a proposito, sarà morto davvero? Kido ha qualche dubbio…).

3x01 the man in the high castle Now More Than Ever, We Care About You

© Amazon Prime Video

The Man In The High Castle riparte molto bene, anche per il cambio di Produttore Esecutivo, che questa stagione è riuscito a restare per tutti gli episodi: Eric Overmyer è fortunatamente rimasto fino alla fine, e questo sicuramente darà più stabilità all’intera stagione, che grazie a “Ora Più Che Mai, Ci Teniamo a Voi” promette molto bene. Vengono inseriti dei nuovi plot, armonizzando gli sviluppi di quelli in corso, arricchiti dalla nuova e più incisiva importanza della parte “ribelle”: nonostante la lunghezza di questo episodio, non ci sono momenti morti. Menzione d’onore come sempre alle meravigliose scenografie e ai costumi, che ci aiutano subito a capire in quale dei luoghi e soprattutto dei mondi si svolgono le vicende.

  • 8/10
    Storia - 8/10
  • 7.5/10
    Tecnica - 7.5/10
  • 9/10
    Emozione - 9/10
8.2/10

Summary

The Man In The High Castle ritorna su Amazon Prime Video con una terza stagione che inizia molto bene, introducendo nuovi elementi e personaggi, armonizzandoli bene con quanto lasciato in sospeso dalla scorsa stagione.

Porcamiseria

8.2

The Man In The High Castle ritorna su Amazon Prime Video con una terza stagione che inizia molto bene, introducendo nuovi elementi e personaggi, armonizzandoli bene con quanto lasciato in sospeso dalla scorsa stagione.

Storia 8 Tecnica 7.5 Emozione 9
Scopri di più sui Porcamiseria

Ti è piaciuto l'episodio?

like
7
Mi è piaciuto
love
0
Tutto!
haha
0
Divertente
wow
0
Porcamiseria!
sad
0
Meh...
angry
0
Che schifo

Altro su The Man In The High Castle

The Man In The High Castle

Season 3 Recap: Viaggi, Fughe e Guerre Imminenti

In questa terza stagione di The Man In The High Castle ci aspettano grandi sconvolgimenti e forti emozioni: i nostri protagonisti sono alle prese con drammi interiori e con lo strisciare della guerra fredda tra Giappone e Germania sul territorio martoriato di quel che resta degli Stati Uniti d'America.

News | The Man In The High Castle

#SDCC18 The Man in the High Castle: il trailer della terza stagione

Al San Diego Comic-Con 2018, gli Amazon Studios hanno mostrato il primo trailer della terza stagione di The Man in the High Castle!

The Man In The High Castle

Season 2 Recap: l’importanza delle scelte

Nella sua seconda stagione, The Man In The High Castle amplia lo spazio dedicato ai personaggi di supporto con ottime interpretazioni di Rufus Sewell e Rupert Evans e incrementa l'azione al prezzo di una sceneggiatura che avrebbe potuto essere più curata.