Manifest1×01 Pilot

Series Premiere Una delle serie più attese dell’autunno 2018 è finalmente iniziata: Manifest è stata definita addirittura l’erede di Lost, o meglio “Lost al contrario”. Ma andiamoci piano con i giudizi affrettati, che siamo solo all’episodio pilota.

Se da un lato definire una serie Lost al contrario ancor prima che vada in onda può risultare alquanto azzardato, dall’altro è indubbiamente un’ottima strategia di marketing, tant’è che anche noi siamo qui a parlarvene. Certo, finora ci sono un aereo, dei numeri misteriosi, un versetto biblico ed un’aria di mistero e solennità che aleggia in ogni dove – “E’ una cosa più grande di noi.” , per citarne una – , ma ancora nulla di più. Andiamo ora ad analizzare meglio gli ingredienti che andranno a costituire la serie.

Volo 828, tratta Montego Bay (Jamaica) – JFK (New York). Partito il 7 Aprile 2013 e atterrato , nonostante una forte turbolenza, il 4 Novembre 2018: mentre per i 191 passeggeri a bordo sono passate poco più di 3 ore, per il resto del mondo sono trascorsi oltre 5 anni.

Ancora sotto shock, i sopravvissuti non solo si ritrovano, senza rendersene conto, all’interno di un caos mediatico di proporzioni globali , ma devono anche fare i conti con il resto del mondo che nel frattempo è andato avanti con la propria vita. Soli contro tutti cercano quindi di recuperare il tempo perduto riadattandosi alla vita, ma le ferite del trauma sono ancora ben lontane dalla cicatrizzazione, infatti come se non bastasse sentono anche delle voci che li spingono a fare di volta in volta una determinata azione, che sebbene all’inizio appaia senza senso, poi si rivelerà essere la miglior mossa possibile. “Tutte le cose cooperano al Bene” (Romani 8.28), appunto.

Quale bene può portare la perdita inspiegabile di 5 anni di vita?

Se alcuni benefici sono visibili fin da subito, come la nuova cura per la leucemia che probabilmente salverà il bambino malato, altri invece non appaiono così chiari. Cosa ci può essere di buono nella perdita quasi totale della propria identità? E’ questo il caso della protagonista Michaela Beth Stone, interpretata dalla giovane Melissa Roxburgh, che si trova improvvisamente senza una casa, costretta a vivere nella taverna del fratello – anch’egli sul volo 828 – , senza un lavoro, senza un fidanzato e con una madre morta a cui non ha potuto dire addio. Ma non finisce certo qui, perché i sopravvissuti visti sin ora avevano già grandi situazioni pregresse da affrontare, come la ricerca di una cura per la leucemia, l’assistenza di un bambino malato, un incidente d’auto che non fa dormire – e questo per quel che ne sappiamo fin ora – quando a tutto ciò si aggiunge l’inspiegabile lunghissimo volo.

Tra mistero e tragedia, a guarnire il tutto non poteva certo mancare la parte rosa della vicenda, che dà alla serie quel tocco di sentimental drama in grado di accaparrare una fetta ancor più ampia di pubblico. Sì perché, come già sottolineato, coloro rimasti a terra sono andati avanti e se la moglie di Ben, interpretato da Josh Dallas, ha trovato un amante, l’ex fidanzato di Michaela si è sposato niente di meno che con la migliore amica della ragazza. Ne vedremo di intrighi amorosi interessanti quindi, soprattutto dopo che Jared (cui presta il volto J. R. Ramirez), nonché detective e capo della quasi futura moglie – giusto per aggiungere un po’ di drama che male non fa – si è lasciato sfuggire quel “Ancora mi togli il fiato” a fine episodio.

In conclusione, Manifest ha davvero tutte le carte in regola per diventare un prodotto interessante e innovativo: il mistero non manca, numeri e versetti biblici li abbiamo, un tocco di sovrannaturale è stato messo ed infine protagonisti, o meglio sopravvissuti, messi alla prova da eventi inspiegabili. Se gli autori riusciranno a dare spiegazioni logiche e a sviluppare bene tutte le storyline aperte allora, e solo allora, si potrà fare un paragone con Lost, ma per adesso, ci limitiamo a dire che ci si può aspettare grandi cose.

Porcamiseria
  • 8.5/10
    Storia - 8.5/10
  • 7.5/10
    Tecnica - 7.5/10
  • 7.5/10
    Emozione - 7.5/10
7.8/10

In breve

Un prodotto innovativo come se ne vedono pochi ultimamente. Se gli autori saranno in grado di sviluppare adeguatamente tutte le storyline aperte allora potrebbe diventare davvero un’ottima serie. Gli ingredienti giusti ci sono.

Sending
User Review
0/10 (0 votes)

Porcamiseria

7.8

Un prodotto innovativo come se ne vedono pochi ultimamente. Se gli autori saranno in grado di sviluppare adeguatamente tutte le storyline aperte allora potrebbe diventare davvero un'ottima serie. Gli ingredienti giusti ci sono.

Storia 8.5 Tecnica 7.5 Emozione 7.5
Scopri di più sui Porcamiseria

Ti è piaciuto l'episodio?

like
6
Mi è piaciuto
love
0
Tutto!
haha
0
Divertente
wow
1
Porcamiseria!
sad
1
Meh...
angry
0
Che schifo

Altro su Manifest

Manifest

1×06 Off Radar

Le indagini di Ben e Michaela sul volo 828 prendono una piega inaspettata e diventano sempre più urgenti nel momento in cui la salute di Cal si rivela collegata alla sorte di alcuni passeggeri scomparsi nel nulla.

Manifest

1×05 Connecting Flights

Un altro episodio denso e coinvolgente, in cui vediamo come hanno trascorso i 5 anni e mezzo coloro che sono rimasti a casa. Un diverso punto di vista narrativo ci permette di vedere le cose da un’altra prospettiva, alquanto interessante.

Manifest

1×04 Unclaimed Baggage

In Manifest si equilibrano perfettamente drama e mistero: mentre il primo diventa sempre più interessante, gli enigmi si infittiscono ulteriormente, focalizzandosi ora sulla figura della Hostess, che sull’aereo nascondeva un grande segreto.