Better Call Saul4×04 Talk – 4×05 Quite a Ride

Jimmy fa soldi con metodi non convenzionali, sempre più vicino a Saul Goodman e sempre più lontano da Kim, sopraffatta dal lavoro con Mesa Verde. Mike affronta questioni irrisolte con la famiglia, spingendosi ancora più vicino a Gus Fring.

Questi sono due episodi di Better Call Saul che vanno visti insieme. È un viaggio a 360 gradi, quello portato a termine in Quite a Ride e Talk, che ci mostra l’orlo del precipizio, la discesa nell’oscurità e le ripercussioni a medio termine del tragico destino di Chuck McGill.

Jimmy, la persona maggiormente investita da questa deriva, è estremamente vicino a Saul Goodman nello spirito. La noia lascia lo spazio a modi non convenzionali di attrarre soldi, coprendo la sua relazione con Kim di bugie e finendo per essere pestato e derubato davanti al Dog House; ma c’è un momento preciso in cui tutto va a rotoli: nello stesso modo in cui tutte le sue scartoffie finiscono tritate da Francesca nel presente di Breaking Bad, il bigliettino datogli da Kim finisce a pezzettini, scaricato nel water.

Se quel giorno Jimmy non avesse incontrato un Howard fatto a pezzi dal senso di colpa e dall’insonnia forse Saul Goodman non sarebbe esistito, forse starebbe ancora con Kim; o forse non si può scappare all’infinito dalla propria innata inclinazione, ed eventi come questo servono solo a rendere il processo più veloce.

L’incidente di Kim le avrà dato tempo per ristabilirsi e respirare, ma assieme allo stato precario di Jimmy l’ha spinta a negarsi al suo soffocante lavoro per Mesa Verde al punto da scatenare le ire di Paige – mai vista così, da brividi. Non sappiamo fino a che punto proiettare le sue manie di controllo sui suoi casi servirà da palliativo contro la sua incapacità di tenere Jimmy sulla retta via, ma qualcosa ci dice che quel “nove mesi e 24 giorni” sarà un tempo sufficiente per stravolgere le loro vite.

Rhea Seehorn è oltre ogni livello di bravura in questi episodi, ha la capacità di comunicare l’enorme disagio personale di Kim senza manifestarlo esplicitamente, veicolata nella finzione che vada tutto bene, mentre la sua vita sta gradualmente sfuggendo alla sua presa.

L’oscurità aleggia su Mike, ormai sempre più addentrato nel business di Gus Fring. I suoi segmenti fanno da esatto contraltare a quelli di Jimmy: laddove l’ex avvocato è loquace all’inverosimile, riuscendo ad affabulare chiunque sulla sua strada, Mike è taciturno, comunica tramite sguardi e presenza, e quando c’è da aprire la bocca si è certi che le sue siano parole ponderate. La sfuriata durante la terapia è un indizio del distacco dalla sua famiglia, l’unico elemento della sua vita che ancora non lo fa sprofondare fino in fondo nella criminalità.

Forse, a essere fuori posto in questi due episodi è la parte di Nacho, nell’escalation di violenza vendicativa dei Salamanca – tutte morti collaterali della vendetta di Fring, peraltro. L’enigmaticità del boss della droga ci spinge a chiederci quanto è disposto a “fare con calma” nell’eliminazione dei Salamanca. Sappiamo già la risposta, ma vedere il metodo Fring dall’interno è tutta un’altra cosa.

Better Call Saul avanza metodicamente, con dialoghi e silenzi pungenti, lasciando la costante e angosciante sensazione che ognuno dei suoi protagonisti cada nel baratro dei propri problemi, accogliendo a braccia aperte la sua più profonda oscurità.

Porcamiseria
  • 8/10
    Storia - 8/10
  • 9.5/10
    Tecnica - 9.5/10
  • 8/10
    Emozione - 8/10
8.5/10

In breve

Better Call Saul mostra i suoi protagonisti scendere inesorabilmente nell’oscurità della loro esistenza. La violenza dei Salamanca forse si prende troppo spazio in una coppia di puntate più inclinata sul metodo che sull’azione, ma l’eccellenza della serie non è assolutamente pregiudicata.

Sending
User Review
9/10 (4 votes)

Porcamiseria

8.5

Better Call Saul mostra i suoi protagonisti scendere inesorabilmente nell'oscurità della loro esistenza. La violenza dei Salamanca forse si prende troppo spazio in una coppia di puntate più inclinata sul metodo che sull'azione, ma l'eccellenza della serie non è assolutamente pregiudicata.

Storia 8 Tecnica 9.5 Emozione 8
Scopri di più sui Porcamiseria

Ti è piaciuto l'episodio?

like
0
Mi è piaciuto
love
0
Tutto!
haha
0
Divertente
wow
0
Porcamiseria!
sad
0
Meh...
angry
0
Che schifo

Altro su Better Call Saul

Better Call Saul

4×10 Winner

Jimmy McGill fa l'ultimo accorato appello per riuscire a tornare avvocato, con mosse degne dell'alter ego Saul Goodman, mentre Mike è costretto a ricorrere a misure drastiche contro il capo cantiere fuggitivo. Better Call Saul chiude in bellezza, con ogni personaggio ormai completamente votato al proprio lato oscuro.

Better Call Saul

4×08 Coushatta – 4×09 Wiedersehen

Le carte si mischiano con imprevedibilità in Better Call Saul. Kim è tutto ciò che separa Jimmy dal diventare Saul Goodman, e sappiamo quanto la sfortuna si accanisca su di lui. L'empatia di Mike intanto minaccia di tradire il suo amore per i dettagli, pregiudicando il progetto di Fring.

Better Call Saul

4×06 Piñata – 4×07 Something Stupid

Jimmy e Kim sono sempre più lontani, mentre la guerra tra Gus Fring e i Salamanca mette in risalto le abilità e le manie di controllo del futuro re delle metanfetamine. Mike amministra un cantiere in cui non mancano tentativi di defezione, tenendo d'occhio un operaio ribelle. Better Call Saul è sempre piacevole, ma questa volta qualche difetto viene a galla.